Blockchain e il valore del web3 tokenizzato

Bitcoin avvolto nella blockchain di Ethereum raggiunge 101 milioni di dollari. Con le applicazioni DeFi in rapida crescita negli ultimi mesi, c’è stato un afflusso di Bitcoin tokenizzato sulla blockchain di Ethereum. La quantità totale e il valore del Bitcoin tokenizzato sulla blockchain di Ethereum sono nettamente aumentati da metà maggio, con BTC del valore di oltre 101 milioni di dollari ora detenuti in token come Wrapped Bitcoin (WBTC), renBTC, HBTC, imBTC, sBTC e altri.

WBTC e token simili rappresentano Bitcoin sulla blockchain di Ethereum. Un BTC tokenizzato equivale a un BTC “normale”; Bitcoin può essere convertito in questi token e viceversa.

Per raggiungere questo obiettivo, gli utenti bloccano il proprio BTC sulla blockchain Bitcoin utilizzando servizi di custodia specializzati o contratti intelligenti. Successivamente, la quantità corrispondente di BTC tokenizzato viene creata su Ethereum, che può quindi essere utilizzata sulla sua blockchain.

Il WBTC, essendo di gran lunga il Bitcoin tokenizzato più popolare, rappresenta la parte del leone di questa nicchia: attualmente ci sono circa 8.200 BTC convertiti in token Ethereum, per un valore di circa 74,9 milioni di dollari, secondo DeFi Pulse. In particolare, la quantità di Bitcoin bloccata mentre WBTC è cresciuta bruscamente nell’ultimo mese e mezzo.

DeFi è venuto alla ribalta nelle ultime settimane, dopo il prestito piattaforma Compound ‘s COMP gettone è diventato il più grande DeFi gettone per capitalizzazione di mercato in un solo giorno a metà giugno, aumentando il suo prezzo del 62%. Poiché Bitcoin non ha l’infrastruttura DeFi che consente ai possessori di token Ethereum di prestare le proprie attività e ricevere rendimenti passivi, sembra che i possessori di Bitcoin si stiano trasformando in token BTC incartati per utilizzare le loro attività nel mercato DeFi in rapida crescita.

Il www ha rivoluzionato l’informazione e il Web2 rivoluzionano interazioni, il Web3 ha il potenziale per rivoluzionare gli accordi e lo scambio di valore. Esso cambia le strutture di dati nel backend di Internet, introducendo un livello di stato universale, spesso incentivando gli attori della rete con a “token”.

Internet che abbiamo oggi è “corrotto”. Noi facciamo non controlliamo i nostri dati, né abbiamo un nativo strato di insediamento di valore. Trenta anni dopo la messa adozione di Internet, le nostre architetture di dati sono ancora basati sul concetto di stand-alone computer, in cui i dati sono archiviati centralmente e gestito su un server e inviato o recuperato da a cliente. Ogni volta che interagiamo su Internet, copie dei nostri dati vengono inviate al server di a fornitore di servizi e ogni volta che accade, perdiamo il controllo sui nostri dati. Anche se noi sembra di vivere in un mondo connesso, con sempre di più dispositivi collegati a Internet – compresi i nostri orologi, auto, TV e frigoriferi – i nostri dati sono ancora archiviati centralmente: sul nostro computer o altri dispositivi, sulla chiavetta USB, e persino nel cloud. Ciò solleva problemi di fiducia. Posso fidarmi di quelle persone e istituzioni che memorizza e gestisce i miei dati contro qualsiasi forma di corruzione – internamente o esternamente, su scopo o per caso?

In questo contesto, la blockchain sembra essere una guida forza di Internet di prossima generazione, cosa alcuni si riferiscono al Web3. Blockchain le reti reinventano il modo in cui i dati vengono archiviati e gestito. Forniscono un set unico di dati (a strato di stato universale) che è collettivamente gestito. Questo livello di stato unico per il primo time abilita un livello di regolamento del valore per il Internet. Ci consente di inviare file in a modo protetto da copia, abilitando il vero P2P transazioni senza intermediari, e tutto è iniziato con l’emergere di Bitcoin. Internet che usiamo oggi non ha a meccanismo nativo per trasferire quale computer la scienza si riferisce a come stato – lo stato di chi è chi, chi possiede cosa e chi ha il diritto di farlo fare. Lo stato, tuttavia, è una proprietà chiave per gestione dei valori. La capacità di facilmente e il trasferimento efficiente del valore P2P è al centro di finanza e mercati efficienti. Se non riesci a trattenere stato in Internet, non è possibile trasferire valore senza istituzioni centralizzate che agiscono come entità di compensazione. Protocolli senza stato come il gli attuali protocolli Internet gestiscono solo il trasferimento di informazioni, laddove il mittente o il destinatario di tali informazioni non è a conoscenza del stato dell’altro.

Le reti Blockchain sono peer-to-peer (P2P) reti e forniscono un set di dati universale che ogni attore può fidarsi, anche se potrebbe non conoscersi o fidarsi l’uno dell’altro. Questo set di dati è a elenco di chi possiede i token. I token rappresentano qualsiasi risorsa o diritto di accesso al lavoro digitale o fisico.

Il concetto di blockchain è diventato famoso per la prima volta Ottobre 2008, come parte di una proposta per Bitcoin (Nakamoto 2008), con l’obiettivo di creare P2P denaro senza banche. Il sottostante la tecnologia blockchain ci consente di fidarci di risultati di un sistema socio-tecnologico senza fidarsi di nessun attore umano al suo interno. Nell’attuale Internet, a causa della sua architettura client-server, le informazioni digitali possono essere copiate e il file può essere inviato da un computer ad altri computer allo stesso tempo.

Internet che usiamo oggi si basa principalmente sull’idea del computer autonomo. I dati vengono archiviati e gestiti centralmente su server di istituzioni affidabili. 

I dati su questi server sono protetti da firewall e gli amministratori di sistema sono necessari per gestire questi server e i loro firewall. Cercare di manipolare i dati su un server è come entrare in una casa, dove la sicurezza è fornita da una recinzione e da un sistema di allarme.

In questo contesto, la blockchain sembra essere una forza trainante di Internet di prossima generazione, quella che alcuni chiamano Web3. Blockchain reinventa il modo in cui i dati vengono archiviati e gestiti. Fornisce un set unico di dati (un livello di stato universale) gestito collettivamente. Questo livello di stato univoco per la prima volta consente un livello di regolamento del valore per Internet. Ci consente di inviare file in modo protetto da copia, consentendo vere transazioni P2P senza intermediari, e tutto è iniziato con l’emergere di Bitcoin.

La blockchain Bitcoin e protocolli simili sono progettati in modo tale da dover sfondare contemporaneamente in più case in tutto il mondo, ognuna con il proprio sistema di recinzione e allarme, al fine di violarle. Questo è possibile ma proibitivo. Nel Web3, i dati sono archiviati in più copie di una rete P2P. Le regole di gestione sono formalizzate nel protocollo e protette dal consenso maggioritario di tutti i partecipanti alla rete, che sono incentivati ​​con un token di rete nativo per le loro attività. Blockchain, come spina dorsale del Web3, ridefinisce le strutture di dati nel backend del Web, ora che viviamo in un mondo connesso. Introduce un livello di governance che gira sopra l’attuale Internet, che consente a due persone che non si conoscono o si fidano reciprocamente di raggiungere e risolvere accordi sul Web.

Noi siamo innovatori in questo senso: vogliamo apportare l’innovazione aperta attraverso nuovi livelli di governance e compliance dei dati delle aziende agrifood 4.0 per un’elaborazione automatica di smart contract sulla base dell’algortimo del consenso.

#DEFI #BLOCKCHAIN #TOKENECONOMY #ETHEREUM

Rispondi