" /> Con DEEPIT INTEROPERABILITY contro le FAKENEWS - INTEROPERABILITY BLOCKCHAIN CENTER
  • Mer. Ott 21st, 2020

INTEROPERABILITY BLOCKCHAIN CENTER

#INNOVAZIONE #COCREAZIONE #OLARCHIE

Con DEEPIT INTEROPERABILITY contro le FAKENEWS

Come applicare l’algoritmo della fiducia. Il PoC sulla fiducia a distanza.

E’ ciò che è avvenuto tra Fabrizio e Mauro di DEEPIT.CH in questi mesi di infodemia: i due professionisti del mondo dei registri distribuiti si sono confrontati e dalla Romagna alla Svizzera e dalla Svizzera alla Romagna in questa fase di distanziamento sociale hanno concentrato le proprie risorse per sviluppare soluzioni aziendali basate su architetture blockchain molto ambizione che devono essere sperimentate e dimostrare la fattibilità e l’opportunità che possono fornire le soluzioni aziendali basate sul protocollo DeeCert, soprattutto in un sistema economico completamente “sospeso” che si aspetta proposte innovative per far fronte all’emergenza economica – e non finanziaria come fu nel 2008 – che tutti noi stiamo subendo.

Convergenti virtualmente ma distanti fisicamente abbiamo collaborato in modo decentralizzato e a volte in modalità asincrona per portarci ad un livello più alto in una dimensione win win costruendo una nuova relazione in uno spazio virtuale [lifesize, zoom, teams, skype – ma telegram è lo strumento preferito da entrambi] in un tempo ben definito: il tempo delle ampie progettualità estetiche, che mirano a concretizzare reti di organizzazioni che incontrano le realtà crescenti come INTEROPERABILITY

Abbiamo creato soluzioni che provengono dall’analisi e l’elaborazione di dati in diversi settori per crescere e svilupparsi riscrivendo nuovi codici di un modello operativo aziendale sperimentale basato su nuovi schemi di cocreation e cooption: la visione senza un’esecuzione resta un’illusione di molti startupper e imprenditori italiani che non hanno una cultura della teoria dell’eccellenza.

Il ruolo di INTEROPERABILITY è bene definito e lapalissiano: in un ecosistema italiano dove non esiste una “teoria dell’eccellenza” attraverso la quale le persone possono prosperare non si può sperare di trovare altri innovatori che come noi vogliono cogliere questa emergenza come opportunità e condividere una nuova visione del futuro: noi vogliamo proporre alternative in questo storico di infodemia, per non ritrovarsi in una situazione simile tra qualche anno, senza nessuna funzione dell’opzionalità. Siamo agenti di un rinascimento digitale? Non so se ha già un nome, ma la modalità è solo una: creare un’ecosistema di piccole e medie imprese con una visione del futuro condivisa e ben definita e autentica in un quadro di cooperazione tra le piccole e grandi società di un ecosistema che non ha più confini territoriali.

Il web 3.0 è lo spazio dove costruire nuove relazioni per una condividere conoscenza tra le grandi e piccole filiere distribuite per assegnare nuovo valore e supportarsi nell’individuazione di nuove risposte alla complessità di una realtà economica che deve necessariamente ri-considerare oggi, più di prima, il paradigma dell’economia civile con il fine non del bene totale ma del bene comune.

In questa complessità dell’economia mondiale le parti sono subcomponenti di una parte più grande occorre quindi una nuova riprogrammazione per una funzione di elasticità e capacità di ristrutturare ciò che funziona e ciò che non funziona.

Incontrando Mauro il team di INTEROPERABILITY ha avviato un percorso nuovo, rimodellato le idee progettuali e condiviso dati e informazioni come risultato di ricerche realizzate in campi diversi e in luoghi differenti oggi convergenti nella creazione di nuovi modelli di business: decentralizzati e completamente digitalizzati.

Questo è l’inizio di un lungo viaggio e anche gli addetti ai lavori lo confermano pubblicamente

Grazie Mauro

Grazie al web 3.0

Grazie all’infodemia: nascono idee progettuali come questa risposta basata sul protocollo blockchain alla fake news.

#INFODEMIA #BLOCKCAHIN #DEEPIT #INTEROPERABILITY #IPERCONVERGENTI #DEECERT

INNOVABILITA

Innovatore olonico per un ecosistema olonico di imprese intelligenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *