E’ possibile creare oggi in Italia un vero BLOCKCHAIN NETWORK?

Abbiamo conosciuto l’esperto Dottor Sandro Vecchiarelli a Bologna durante un incontro pubblico BLOCKCHAIN NETWORKING EVENT presso il CIRSFID – Centro Interdipartimentale di Ricerca in Storia del Diritto, Filosofia e Sociologia del Diritto e Informatica Giuridica e dopo quella sessione educativa per noi blockchainer di ROMAGNACHAIN si è rafforzata la consapevolezza di aver intrapreso la strada giusta.

Durante la messa a punto del nostro white paper abbiamo deciso di condividere su questa piattaforma le evoluzioni e gli sviluppi di questo progetto di startup innovativo sia per quanto riguarda la modalità operativa cooperativistica che per ciò che concerne l’applicazione del protocollo blockchain integrato con l’ntelligenza artificiale, criptovalute e IoT.

In questa fase siamo alla ricerca di partner che condividono con noi l’idea che il protocollo non sia la panacea di tutti i nostri “mali economici”, ma che rappresenti uno strumento strategico per ritornare ad avere fiducia tra gli attori della grande distribuzione organizzata, e non solo.

Come testimoniano i numerosi annunci relativi alla costituzione di gruppi di lavoro e alla presentazione di proposte di legge volte a disciplinare la materia la blockchain rientra tra le nuove tecnologie sotto stretta osservazione da parte dei Governi di tutto il mondo. In Italia è recente la notizia dell’adesione da parte del Governo dell’accordo europeo di partenariato sulla Blockchain, siglato nell’aprile 2018 da 22 paesi con l’obiettivo di istituire ufficialmente la European Blockchain Partnership ed arrivato a contare, con l’esclusione dell’Italia, 26 paesi. Liechtestein, Francia, Russia, Regno Unito sono al lavoro per introdurre una disciplina della blockchain e delle valute virtuali. Gli Stati Uniti hanno proposto un framework composto da tre distinte leggi.

La nostra cooperativa si basa sul lavoro di professionisti che operano da molti anni per implementare l’applicazione su una blockchain pubblica che, come rammentano A. Bertinotti e K. Bovani nel libro “BLOCKCHAIN il futuro tra le mani – di una rete che con i suoi nodi equivale a miliardi di strette di mano che avvengono solo quando il trasferimento è legittimo onesto e giusto, altrimenti la scoperta dell’errore e dunque della malafede comporta la non validazione della transazione e l’assenza di stretta di mano tra persone, essere umani.

In attesa che ci governa pianifichi una strategia nazionale su tali tecnologie, che si coordini con quella europea, e tenga conto delle peculiarità del nostro Paese, costellato di piccole e medie imprese e cooperative che hanno bisogno di certezza e regole chiare per poter eventualmente esplorare nuovi modelli di business ed attività in tali settori.

Dal sito pubblico della società cooperativa fondata dal Dottor Sandro Vecchiarelli, POMIAGER, si evince che la cooperativa nasce dalla consolidata esperienza di un Team di professionisti specializzati nello sviluppo di soluzioni informatiche innovative e d’avanguardia.
Da oltre 15 anni i professionisti 
Pomiager forniscono soluzioni ICT concrete e personalizzate, in linea con le esigenze espresse dai clienti, per portare le imprese a diventare Industrie​ 4.0.​​​​ L’ottimizzazione delle infrastrutture tecnologiche e la garanzia della sicurezza delle informazioni, rappresentano elementi fondamentali per tutte le Organizzazioni che vogliono essere competitive  fornendo risposte tempestive e concrete alle continue richieste di cambiamento del mercato.
Pomiager traduce le esigenze dei propri clienti in progetti innovativi realizzabili su misura. Tutti i progetti nascono dall’ascolto e dall’analisi degli obiettivi aziendali e da conoscenze sempre aggiornate e all’avanguardia. Pomiager è il partner affidabile e dinamico che garantisce innovazione, qualità e completezza in tutte le soluzioni offerte.

Noi di ROMAGNACHAIN riteniamo che siano questi i partner locali ideali per costruire assieme – con uno scopo mutualistico in un’ottica strategica win win – un vero BLOCKCHAIN NETWORK OPERATIVO.

Rispondi