AGID e BLOCKCHAIN: nell’era Age of Experience propongono le linee guida per l’uso del protocollo in Italia

Con l’ingresso nel nuovo decennio molte aziende e multinazionali della tecnologia mobile si sono dati appuntamenti al CES 2020 di Las Vegas per presentare modelli di sviluppo tecnologico per gli anni che verranno: un periodo chiamato dagli operatori del settore come l’Age of Experience  in cui vedremo uno sviluppo costante di tecnologie in grado di soddisfare le esigenze grazie alla conoscenza e alla comprensione degli utenti sfumando di fatto i confini tra il mondo digitale e quello fisico.

In Italia l’Agenzia per l’Italia Digitale che deve provvedere a questo processo di digitalizzazione e innovazione del nostro Paese ha accelerato l’elaborazione degli standard tecnici e dei requisiti per le tecnologie basate su registri distribuiti. Le regole serviranno a rendere operativi gli smart contracts così come previsto dal decreto Semplificazioni del 2019.

In arrivo le linee guida Agid sulla blockchain. E’ pronto il provvedimento contenente gli standard tecnici e i requisiti delle tecnologie basate su registri distribuiti, così come previsto dal decreto Semplificazioni del febbraio 2019 convertito in legge.

La norma stabiliva che spettasse all’Agenzia per l’Italia digitale, entro tre mesi dall’entrata in vigore della legge e dunque  entro maggio 2019, pubblicare le regole tecniche. Regole che però non erano state varate per tempo. In questi mesi il processo ha subito una forte accelerazione.

Le linee guida Agid sono cruciali per rendere operativi gli smart contracts, istituto introdotto appunto dal Dl Semplificazioni che riconosce a questi un valore legale parificandoli, in molti casi, agli accordi redatti in cartaceo.

Si definisce smart contract un programma per elaboratore che opera su tecnologie basate su registri distribuiti e la cui esecuzione vincola automaticamente due o più parti sulla base di effetti predefiniti dalle stesse – si legge nel testo – Gli smart contract soddisfano il requisito della forma scritta previa identificazione informatica delle parti interessate, attraverso un processo avente i requisiti fissati dall’Agenzia per l’Italia Digitale con linee guida da adottarsi entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge”.

In pratica le regole dell’Agenzia stabiliscono gli standard tecnici che i protocolli di comunicazione blockchain devono rispettare per produrre gli effetti giuridici della validazione temporale elettronica, in coerenza con la normativa europea e nazionale così come le procedure di identificazione delle parti interessate da uno smart contracts.

La nuova governance che riguarda la digitalizzazione e l’innovazione rende ordinario quello che prima era straordinario Si è creato un ministro e il commissario straordinario per la Digitalizzazione è entrato a far parte di un Dipartimento insieme al Team di trasformazione digitale; si è creata una nuova società, che si chiama PagoPa spa e nel 2020 saranno create varie task force utili per il coordinamento di alcune tematiche, sia in campo di trasformazione digitale che di innovazione. Una prima task force sarà creata e rappresentata dai rappresentanti dei ministeri e delle Pubbliche amministrazioni locali.

Un “neo” però c’è ed è quello delle risorse che rischiano di non essere sufficienti per realizzare il piano del governo. Nel ministero per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione sono state selezionate 40 persone con un alto livello di competenze. Ma 40 persone non sono sufficienti per la trasformazione su digitale e innovazione che ci attende. L’obiettivo è quello di creare una squadra con più soggetti al suo interno, ma è anche quello di fare rete e mettere in relazione tutti quei soggetti pubblici e privati che possono aiutarci a creare e diffondere innovazione e digitalizzazione.

Noi di ROMAGNACHAIN ci proponiamo come centro di interoperabilità della Romagna per supportare le cooperative dell’agrifood in questo processo di trasformazione digitale, che passa attraverso la blockchain e intelligenza artificiale.

Rispondi